Contenuto

ATER - STATUTO

Titolo I:
Natura e Fini Istituzionali dell'Azienda
Titolo II:Capo I
Il Consiglio di Amministrazione
Titolo II: Capo II
Il Presidente
Titolo II: Capo III
Il Direttore
Titolo II: Capo IV
Il Collegio dei Revisori dei Conti
Titolo III:
Patrimonio e Fondi di Finanziamento
Titolo IV:
Struttura Organizzativa Aziendale
Titolo V:
Gestione economica e finanziaria
Titolo VI:
Disposizioni finali e transitorie

 

L'A.T.E.R. di Padova

Gli Orari

La sede dell'Ater

La carta dei Servizi

Bandi di Gara

Esiti di Bandi di gara

Aste

Bacheca Informazioni

Notiziario A.T.E.R.

Gli Organi Aziendali

L'A.t.e.r. in cifre

Relazione del Presidente

Servizi ai Comuni

Servizi ad Enti Pubblici

Leggi e Normative

Opere Realizzate

Eventi

Link ad altri siti


Art. 21 (composizione, nomina, durata in carica)


1. Il Collegio dei Revisori dei Conti è Organo dell'Azienda in base alla L.R. 10 del 9.3.1995.

2. Il controllo sulla regolarità contabile e la vigilanza sulla gestione economico-finanziaria è affidata ad un Collegio di revisori dei conti composto da tre membri nominati dalla Giunta regionale, esperti in materia di amministrazione e contabilità, iscritti nel registro dei revisori. Il Presidente è nominato dalla Giunta regionale, con il medesimo provvedimento di nomina del collegio.

3. Con le stesse modalità di cui al comma 1 sono nominati due revisori supplenti.

4. Al Collegio dei revisori si applica la disciplina prevista dagli articoli 2397 e seguenti del codice civile in quanto compatibile.

5. Il Collegio dei revisori dei conti dura in carica cinque anni a decorrere dalla data del provvedimento di nomina.

6q. Al Presidente ed ai componenti il Collegio dei revisori compete il compenso annuo nonché il rimborso spese di viaggio, stabiliti dalla Legge Regionale 9 marzo 1995 n. 10.

Art. 22 (poteri e compiti).

1. Il Collegio dei revisori deve accertare la regolare tenuta dei libri e delle scritture contabili, l'osservanza delle norme tributarie e degli adempimenti contributivi, nonchè assolvere gli ulteriori adempimenti previsti dall'art. 2403 C.C. e seguenti.

2. Ai revisori viene assicurato l'accesso ai documenti dell'Azienda contenenti atti che siano di interesse per l'espletamento delle loro funzioni.

3. I revisori possono in qualsiasi momento procedere, anche individualmente, agli accertamenti di competenza.

4. I revisori possono partecipare alle sedute del Consiglio di Amministrazione, con diritto di parola e senza diritto di voto.

5. Ogni anno il Collegio dei Revisori accompagna il bilancio consuntivo con la relazione contabile .amministrativa, che deve attestare la corrispondenza delle risultanze di bilancio alle scritture contabili, nonché la conformità delle valutazioni di bilancio ed in particolare degli ammortamenti, degli accantonamenti, dei ratei e dei riscontri ai criteri di valutazione di cui agli articoli 2423 e seguenti del codice civile in quanto applicabili.

6. Il Collegio ha altresì l'obbligo, qualora riscontri gravi irregolarità della gestione dell'azienda, di riferirne immediatamente al Presidente della Giunta regionale ed è tenuto a fornire allo stesso, su richiesta, ogni informazione e notizia che abbia facoltà di ottenere a norma di legge o di statuto.

Art. 23 (Comitato Tecnico)

1. Il Comitato Tecnico è costituito con deliberazione del Consiglio di Amministrazione dell'Azienda e resta in carica per la durata dello stesso.

2. Il Comitato è composto da:

a) il Direttore dell'Azienda con funzioni di Presidente;

b) il Capo dell'Ufficio tecnico dell'Azienda;

c) il Dirigente generale dell'Ufficio regionale del Genio Civile o suo delegato;

d) due esperti in materie tecniche e giuridiche nel settore dell'edilizia residenziale nominati dalla Giunta Regionale.

3. Le funzioni di segreteria sono assicurate da un funzionario dell'Azienda.

4. Alle sedute del Comitato Tecnico partecipa, con voto consultivo, il rappresentante legale od il delegato dell'operatore pubblico o privato interessato all'argomento in discussione;

5. Il Comitato Tecnico esprime pareri su richiesta del Consiglio di Amministrazione o degli enti interessati ed è convocato dal Direttore dell'Azienda.

6. Al Comitato Tecnico sono attribuite le funzioni consultive già attribuite alle Commissioni Tecniche istituite a sensi dell'art. 63 della L. 22.10.1971 n. 865 e successive modifiche od integrazioni.

7. Il Comitato esprime inoltre parere obbligatorio su:

a) atti tecnici ed economici relativi agli interventi di edilizia residenziale pubblica sovvenzionata o agevolata realizzati dai Comuni;

b) congruità economica dei programmi di intervento di edilizia sovvenzionata ammessi a finanziamento con provvedimento. regionale, esprimendosi sul rispetto dei vincoli tecnico-dimensionali ed economici, nonché sull'applicazione delle maggiorazioni ammesse ai massimali di costo deliberati dalla Giunta Regionale.

c) richiesta di autorizzazione al superamento dei massimali di costo ammissibili;

d) atti gestionali per la realizzazione delle opere.

 
 
 
 
Copyright ę 2004, AterPadova.it.
Tutti i diritti riservati - Sito accessibile Sito normale
La nostra azienda - Dove siamo - Statuto - Documenti - Bilancio - Contatti 

Questo sito ╦ realizzato secondo gli standard del w3c (raccomandazioni HTML 4.01 e CSS livello 2) per garantire la massima accessibilitř e fruibilitř delle informazioni a tutte le tipologie di utenti e senza distinzioni di piattaforma e browser.
Mentre i contenuti informativi del sito sono visibili con tutti i dispositivi per l'accesso a internet e con tutti i browser, la reale impaginazione grafica ╦ visibile utilizzando i browser standard conforssmi alle specifiche w3c.
Se leggete questo messaggio probabilmente non state usando un browser standard.
Qualora decideste di usare un browser standard vi consigliamo di rivolgervi al sito del Web Standard Project (WaSP) [http://webstandards.org/act/campaign/buc/] dove verranno illustrati i browser standard gratuiti diponibili per ogni piattaforma.